NELLE VALLI OCCITANE: TESORI D’ARTE DEL BASSO PIEMONTE

NELLE VALLI OCCITANE: TESORI D’ARTE DEL BASSO PIEMONTE

21/24 agosto 2021

Date Disponibili

21 Agosto 2021
24 Agosto 2021

disponibile

VIAGGIO DAL 21 al 24 AGOSTO 2021

Ad Occidente, dove le Alpi gettano lunghe ombre serotine, si stende un ventaglio di valli percorse da strade impervie, disegnate dal tempo, serpeggianti tra boschi e radure.

La lingua è diversa, millenaria, una contaminazione di idiomi antichi la cui eco si va lentamente spegnendo.
Qui, lontano dai valichi, la devozione ha forgiato un paesaggio costellato di pievi, abbazie e cappelle, inalterato da secoli.

A Villar San Costanzo, sentinelle della Val Maira sono una chiesa, nata da re longobardo, e un’abbazia, affrescata con le storie di un Santo guerriero; più a monte Macra nasconde una Genesi romanica; in Val Grana il verde florido della valle è catturato sulle volte di San Sebastiano, a Monterosso Grana, mentre ai piedi della Valle Po, Revello custodisce l’opera del fiammingo che introdusse queste terre al Rinascimento.
Poco più a sud, sfilano ancora oggi prodi ed eroine davanti ad una fontana miracolosa, sulle pareti del Castello della Manta, mentre Saluzzo racconta di amanti tenaci e leggendari. Ai piedi dei monti, il Monregalese incanta con il gotico colorato di San Fiorenzo a Bastia Mondovì, incanta e incatena nell’illusione e nell’inganno creato da un geniale gesuita con gli affreschi di Mondovì, e col disegno stravagante della poderosa cupola di Vicoforte.

Scivolando in giù, verso valle e verso il tempo presente, Cuneo tra i fiumi siede nella quiete di portici e piazze, Borgo San Dalmazzo custodisce un sogno profumato di bellezza all’ombra dei suoi sepolcri mentre la “favola moderna” di Vernante viene pronunciata in una lingua che non ha confini né etichette.

Ad Occidente, dove le Alpi gettano lunghe ombre serotine, è nascosto un tesoro.









    Potrebbe interessarti anche

    CORTONA, CHIUSI, ORVIETO: DENTRO IL MEDIOEVO SULLE TRACCE DEGLI ETRUSCHI

    15/19 giugno

    È giugno. È la stagione in cui la luce non se ne vuole andare dalla terra. In cui i tramonti sono lontani e sembra non tornino più. E il tempo si ferma un momento a guardare indietro. Nelle verdi terre umbre e toscane, costellate di pievi e piccoli borghi medioevali, tra colline, boschi e corsi …

    [leggi tutto]

    INCANTI LUMINOSI: VENEZIA E LA SUA LAGUNA

    28/30 maggio

    Un bagno di liquida luce dorata. Ad ogni passo, un angolo di casa, una finestra socchiusa si vestono di riflessi mobili, guizzanti. L’aria è permeata di una lontana eco di mare e di un pizzico di follia, coloratissima. Molte storie da narrare, una per ogni notte incantata, come nelle favole orientali: e dall’Oriente vengono a …

    [leggi tutto]