Gli Etruschi a Bologna

Gli Etruschi a Bologna

Nella terra dei Rasna

Gli Etruschi a Bologna.
Bologna ospita la mostra più attesa del 2020: Etruschi. Viaggio nella terra dei Rasna.
Si è aperta il 7 dicembre al Museo Archeologico e sarà visibile fino a maggio 2020.

Ci sono voluti tre anni di lavoro per proporre al pubblico una nuova lettura dell’affascinante civiltà etrusca attraverso 1400 reperti provenienti da moltissimi musei. La grande Etruria è la protagonista: un territorio esteso dal Po alla Campania, dove si parla la stessa lingua, si condividono usi e costumi, si abita lo stesso aldilà dopo la morte. L’attenzione è puntata su Bologna nel momento in cui diventa città, fiorisce grazie ai commerci e all’agricoltura, sviluppa una sensibilità artistica peculiare e stabilisce relazioni con altre culture, come quella greca.

Ecco il tema del viaggio, così calzante per spiegare il ruolo della terra dei Rasna (vero nome degli Etruschi ) nelle relazioni tra il Mediterraneo e l’Europa.
L’allestimento, dai colori evocativi, ci spinge attraverso la storia etrusca con una sezione introduttiva e una seconda parte dove si compie il viaggio vero e proprio nella vasta terra etrusca, in compagnia delle memorie di viaggiatori del passato e dei risultati di scavi recenti.

Notevoli i reperti esposti, come i corredi principeschi della Campania o lo splendido elmo da Vulci, le urne policrome da Perugia e le stele di Volterra. Da Bologna, un tempo detta Princeps Etruriae, parte il nostro viaggio alla riscoperta di questa straordinaria civiltà, madre di quella romana.

La seconda parte della giornata è dedicata alla vecchia Signora rossa di cotto, porticata e turrita, nobile e gentile, colta ma semplice. La Bologna dei bei palazzi, come l’Archiginnasio, eretto per volere di Pio IV negli anni ’60 del Cinquecento e il Teatro Anatomico, una sala ad anfiteatro dedicata allo studio dell’anatomia; delle splendide chiese, ed ecco l’imponente San Petronio, impreziosita dagli affreschi della Cappella dei Magi e la basilica di Santo Stefano, nota col nome di Complesso delle Sette Chiese, nata come imitazione del Santo Sepolcro di Gerusalemme, importante testimonianza del romanico bolognese.

Ore 7:50 partenza da San Donato Milanese, fermata della metropolitana MM3

La quota comprende:
viaggio di a/r Milano/Bologna in pullman GT; ingressi ai siti elencati; visita guidata alla Mostra e al centro storico di Bologna; assistenza tecnica; prenotazioni; microfonaggio

Costo a persona € 75,00

Date Disponibili

18 Gennaio 2020
7:50

disponibile